Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Accetto Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

Ecco come l'Europa boicotta il diesel

section_image

Dopo Parigi, Londra, Madrid, Atene e Oslo ora è il turno di Monaco, difatti secondo quanto scritto da Sueddeutsche Zeitung il sindaco della città Dieter Reiter, sarebbe prossimo ad introdurre un divieto di circolazione limitato alle auto diesel dato l’elevato livello di inquinamento dell’aria della città bavarese.Di certo una normativa di questo tipo non passerà inosservata, dal momento che inciderà su circa 170.000 auto a seconda della normativa presa come riferimento.

   Potrebbe interessarti anche: 2500 giovani vogliono diventare autisti. Ecco come l'Albo li accontenta

In poche parole,la morsa sul diesel si sta stringendo come è inevitabile che sia, dal momento che si è giunti alla consapevolezza che la concentrazione di ossidi di azoto nell’aria non rispetta il limite di 40 microgrammi per metro cubo e che anzi nella città di Monaco raggiunge picchi di oltre 60 microgrammi. “I dati sono decisamente preoccupanti” ha dichiarato sorpreso il sindaco.

Per quel che riguarda l’Italiainvece non ci sono ancora notizie circa i divieti sul diesel anche se il tema scalda sicuramente gli animi facendo capire quanto sia delicato e necessiti di essere trattato. Nel frattempo vengono divulgate sempre maggiori restrizioni, in particolare, per le motorizzazioni a gasolio. Sul loro futuro diverse amministrazioni hanno annunciato l’arrivo di novità importanti. Entreranno in vigore nel 2018, almeno così promettono. Staremo a vedere.

Il tuo browser è obsoleto

Aggiorna il tuo browser per visualizzare questo sito correttamente Aggiorna il mio browser ora

×