Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Accetto Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

La difficile integrazione dei mezzi elettrici nelle flotte aziendali

section_image

Per quanto riguarda la mobilità elettrica sul suolo italiano è innegabile che essa sia quasi inesistente, tanto più se si parla per il campo delle flotte aziendali. Ciò nasce generalmente dalla concezione per il quale, i mezzi elettrici,  vengono ritenuti meno flessibili ed efficaci rispetto alle loro tradizionali concorrenti, da più tempo sul mercato.

Nonostante ciò è comunque presente nei gestori delle flotte la consapevolezza che i veicoli elettrici, se non ibridi, avranno un ruolo centrale nel panorama futuro. Ma ciò solo a patto che vengano fatti rilevanti investimenti economici e strutturali, attraverso incentivi e la costruzione di una adeguata rete di ricarica, ad oggi mancante.

Un fattore a discapito dell’elettrica è, inoltre, la sua attuale confinazione alla mobilità urbana; soprattutto quando l’attenzione all’ambiente produce normative per la limitazione della circolazione di determinati veicoli nei centri cittadini, supportando i veicoli a zero emissioni.

Quando ci si trova a dover affrontare grandi tratte invece, gli attuali mezzi elettrici non sono ritenuti sufficientemente efficienti, vista la carente diffusione della rete di ricarica e la loro limitata autonomia.

Inoltre in molti giudicano come un’alternativa non economica l’ipotesi di assegnare veicoli elettrici ai driver, ma ciò non corrisponderebbe esattamente alla realtà, poiché sarebbe più opportuno tener conto del ritorno nel risparmio a lungo termine.

In ogni caso, la crescente fiducia nel progresso sta mano a mano spingendo verso tale direzione, ma, secondo alcuni, non prima di un lasso di almeno 10 anni: attraverso una graduale e lenta sostituzione, e solo se alla base ci sarà una costanza negli investimenti da parte delle case automobilistiche, la volontà stessa dei governi nello spianare la strada, ed i necessari avanzamenti tecnologici.

Semplicità dovrà essere la nuova parola chiave: solo attraverso una semplificazione che significhi standardizzazione, facilità d’uso, e soluzione accessibile, allora e solo allora, l’elettrico sarà considerato un vantaggio da tutti univocamente.

Il tuo browser è obsoleto

Aggiorna il tuo browser per visualizzare questo sito correttamente Aggiorna il mio browser ora

×