Informativa e consenso per l'uso dei cookie

Accetto Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

Modelli green nelle flotte commerciali: l'opinione dei fleet manager

Modelli green nelle flotte commerciali: l'opinione dei fleet manager


Le flotte aziendali si compongono sia di auto che di veicoli commerciali, motivo per cui il fleet manager deve sapere adottare strategie diverse a seconda del caso. Ma nel pratico quali sono le differenze agli occhi dei fleet manager nella gestione degli uni e degli altri? A raccontarcele sono le rilevazioni condotte dal Centro studi auto aziendali e Lease Plan su 200 fleet manager.

Innanzitutto i fattori determinanti nella scelta di un veicolo piuttosto che un altro sono: l’affidabilità della casa produttrice, la capacità di carico, i bassi costi di gestione, il basso impatto ambientale, il comfort interno, le prestazioni del motore e, in ultimo, la vastità della gamma di allestimenti tra cui scegliere.

Mentre i driver richiedono prima di ogni cosa maggiore comodità, massima sicurezza grazie a strumenti di ultima generazione, motori performanti e alimentazioni ecologiche così da poter operare anche nei centri cittadini. Sarà quindi utile sapere che ad oggi i driver sono coinvolti nella scelta nel 42,5% dei casi.

All’interno dello studio ha rivestito un ruolo importante l’argomento dell’alimentazione alternativa. A quanto sembra i veicoli ibridi, elettrici, a Gpl o a metano non sono ancora diffusi su larga scala ma sono presenti solo nel 27,5% delle flotte degli intervistati nonostante vengano ritenuti molto interessanti dai fleet manager, e che il 66,9% degli intervistati si sia dichiarato favorevole all’acquisto.

L’alimentazione più interessante sembra sia quella ibrida, seguita da Gpl, metano ed elettrico.

Quali sono i fattori potrebbero decretare il successo delle alimentazioni alternative?

  • Una rete di punti di rifornimento/ricarica estesa a livello nazionale.
  • Tempi di ricarica più brevi, prezzi più bassi, una maggiore autonomia in termini di percorrenza chilometrica, la presenza di incentivi economici pubblici, un total cost of ownership più basso e comfort e prestazioni paragonabili a quelle dei veicoli commerciali ad alimentazione tradizionale.
Il tuo browser è obsoleto

Aggiorna il tuo browser per visualizzare questo sito correttamente Aggiorna il mio browser ora

×