Cookies disclaimer

I agree Our site saves small pieces of text information (cookies) on your device in order to deliver better content and for statistical purposes. You can disable the usage of cookies by changing the settings of your browser. By browsing our website without changing the browser settings you grant us permission to store that information on your device.

Tir come treni, iniziano i test

Tir come treni, iniziano i test


Tir come treni; a breve avranno inizio i test per far viaggiare i veicoli pesanti sulle autostrade, ma non solo, i mezzi in questione saranno connessi tra loro sia digitalmente che fisicamente.

Si tratta di vero e proprio platooning autostradale che finalmente potrà aver luogo sulle strade pubbliche dell’Oregon e del Nevada dopo avere completato una serie di test sul circuito di prova di Daimler TrucksNorth America, a Madras.
Dailmer Trucks North America potrà avvalersi di sistemi già sicuri e collaudati da Mercedes-Benz Trucks, in occasione dell’European Truck Platooning Challenge 2016.

Vuoi gestire nell modo migliore il budget aziendale? clicca qui e raccontaci il tuo business

Roger Nielsen, presidente e Ceo di Dailmer Trucks North America, ha dichiarato che “L’interesse dei clienti per il platooning è in costante crescita. Questa tecnologia assicura efficienza e sicurezza maggiori. Lo scopo del platooning non è sostituire l’autista, bensì alleggerirne l’impegno alla guida durante i viaggi più lunghi. Quando le condizioni di base lo consentiranno, saremo in grado di offrire una soluzione collaudata. I nostri Freightliner viaggiano fin d’ora quotidianamente come platoon. Io stesso ho guidato uno dei nostri truck in modalità connessa: è stata un’esperienza entusiasmante!”.


C’è poi da specificare che la comunicazione tra veicolisarà basata sulla tecnologia Wlan e interagirà con i sistemi di assistenza alla guida installati a bordo (il sistema di assistenza per mantenere la distanza di sicurezza, quello antisbandamento e quello di frenata) in questo modo i truck Freightliner potranno procedere in una colonna di veicoli, che viaggiano a una distanza decisamente ravvicinata e al tempo stesso risparmiano carburante per via della migliore aerodinamica.

I tecnici precisano “A questo si aggiunge una sicurezza maggiore in modalità accoppiata, il tempo di reazione di una persona al volante è in media di due secondi, mentre la comunicazione V2V lo riduce fino a 0,2-0,3 secondi. In base ai calcoli effettuati dalla National Highway and Transportation Safety Administration statunitense, circa il 94% di tutti gli incidenti stradali è riconducibile a errori umani. In futuro, pertanto, le frenate automatizzate e connesse tra veicolo che guida il convoglio e quelli che seguono consentiranno di evitare numerosi incidenti”.

Il tuo browser è obsoleto

Aggiorna il tuo browser per visualizzare questo sito correttamente Aggiorna il mio browser ora

×